Tutto ciò che cerchi…. A portata di click!

Migrare sistema operativo da Hard Disk a SSD

Nella seguente guida vedremo come clonare e spostare tutto il sistema operativo presente in un hard disk meccanico su un SSD di ultima generazione.

Prima di cominciare va spiegata però la differenza tra hard disk meccanico e SSD.

L’hard disk (HDD) è un dispositivo composto da una serie di dischi elettromagnetici messi in pila che contengono le informazioni e la lettura e scrittura dei dati avviene su di esso mediante il passaggio di una testina. Il movimento della testina e la rotazione del disco vengono effettuati tramite dei motorini, per cui l’hard disk emette dei rumori durante il suo funzionamento.

Hard disk senza coperchio

Gli SSD (solid-state disk) sono unità di memoria flash allo stato solido basate su un semiconduttore per l’archiviazione dei dati, per intenderci è proprio come se avessimo delle pendrive collegate alla scheda madre del nostro computer, ma con la possibilità avere delle grandi capienze.

Varie tipologie di SSD

Quali sono i vantaggi di un SSD rispetto ad un comune HDD?

  • Sono silenziosi, poichè non ci sono movimenti meccanici
  • Emettono poco calore
  • Aprono velocemente le applicazioni e i programmi, poiché non vi è la necessità di effettuare operazioni meccaniche per la lettura/scrittura
  • Salvano i file senza frammentarli

Dopo aver rapidamente spiegato le sostanziali differenze tra le due periferiche, procediamo e vediamo come migrare Windows da un HDD a un SSD.

Il primo passo da effettuare è quello di collegare il nuovo SSD al computer.

Nel caso in cui si tratti di un SSD di tipo M.2 bisognerà collegarlo direttamente sulla scheda madre, mentre nel caso in cui si tratti un SSD di tipo Sata, sarà possibile collegarlo sia tramite il flat sata e l’alimentazione direttamente alla scheda madre che con un box esterno collegabile alla porta USB.

Box 2.5′ Sata
Collegamento alla scheda madre

Dopo aver effettuato il collegamento del SSD al computer e aver (se richiesto da Windows) formattato il nuovo disco inserito bisognerà procedere a scaricare il programma che ci permetterà la migrazione del sistema operativo.

In giro sul web esistono migliaia di software in grado di compiere questa operazione, molti di essi sono a pagamento mentre altri sono gratuiti.

Quello che ho scelto per questa guida si chiama Macrium Reflect Free.

Per prima cosa bisognerà collegarsi al sito web del software per scaricare il pacchetto di installazione.

SITO WEB REFLECT FREE

Dopo aver aperto il sito web bisognerà cercare la versione di Reflect Free e fare click su DOWNLAOD FREE.

Si avvierà il download del file di setup che andrà successivamente installato.

Dopo aver scaricato il setup avvialo e scegli l’opzione Free dal menu a tendina posto subito sotto la voce Select Macrium Reflect software to download.

In seguito spunta la dicitura Run installer directly after downloading e premi sul bottone Download per fare in modo che inizi a scaricare i files di installazione.

Dopo questo passo, clicca sul pulsante , poi sul bottone Next e accetta i termini d’uso del programma. Seleziona poi la versione Home, selezionando l’apposita casella, premi Next e rimuovi la spunta dalla casella accanto alla voce Register this installation of Macrium Reflect. Clicca sul pulsante Next per altre due volte consecutive e poi su Install.

Adesso che è tutto pronto, apri Macrium Reflect Free e clicca sulla voce Clone this disk… che ti appare sotto la voce che indica il disco attualmente in uso.

Nel passaggio successivo clicca su Select a disk to clone to…, clicca sulla barra raffigurante il disco SSD, per selezionarlo e, fatta la tua scelta, specifica le partizioni del disco di origine da copiare, selezionando quelle contrassegnate dal simbolo di Windows.

A questo punto, clicca prima sulla voce Copy selected partitions, collocata al centro, e poi sulla dicitura Advanced Options collocata in basso, in modo da richiamare le opzioni di copia.

Se l’SSD ha una capienza inferiore rispetto all’hard disk o semplicemente se vuoi ottimizzare l’operazione seleziona la spunta accanto alle voci Perform an Intelligent Sector CopyVerify File System ed Enable SSD TRIM.

Infine, clicca sul pulsante OK, premi sul bottone Next per due volte consecutive e poi su Finish, per avviare il processo di clonazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: